APPELLO – Pro Patria a porte chiuse per razzismo. Cancellate questa ingiustizia

Boateng Pro PatriaSeguimi su Twitter e Facebook

La sentenza senza sconti era nell’aria ed era stata anticipata ampiamente nelle ore successive i fatti di Busto Arsizio. Ora è una certezza con il sapore dell’ingiustizia. La Pro Patria dovrà giocare una gara a porte chiuse per punizione dopo i buu razzisti all’indirizzo di Boateng che hanno portato il Milan ad abbandonare il terreno di gioco dopo 26 minuti di una partita amichevole. Non una multa, come in tutti gli altri casi, ma la tolleranza zero.

Il dispositivo del Giudice sportivo della Lega Pro è durissimo: “Il comportamento del gruppo dei sostenitori della Pro Patria appare di particolare gravità anche perché avvenuto durante un’amichevole”. Le porte chiuse devono svolgere anche “una funzione non solo afflittiva ma preventiva allo scopo di evitare il ripetersi degli stessi episodi e che nel corso della stagione la Pro Patria è stata già sanzionata per analoghi episodi con un’ammenda da 5000 euro e che la precedente sanzione si manifesta ad oggi inefficace”.

E’ del tutto evidente come esista una disparità di trattamento rispetto ai grandi club. Inutile ricordare i 15.000 euro di multa inflitti alla Lazio nell’ultima domenica per i buu razzisti contro il cagliaritano Ibarbo. E le sanzioni ancora più leggere che hanno colpito altre squadre in precedenza. La tariffa media si aggira tra i 7.000 e i 10.000 euro in serie A dove gli incassi sono nettamente maggiori rispetto alla Lega Pro.

Dunque, seppure apprezzando il fatto che si sia voluto dare un segnale forte contro il razzismo, la diversità di comportamento nei confronti della Pro Patria è una schiaffo inaccettabile. A Busto Arsizio il resto dello stadio si è dissociato apertamente rispetto al comportamento di poche unità di idioti. Perché non vale come esimente al pari di quanto accade regolarmente negli altri stadi?

Perché la dissociazione dell’Olimpico sabato sera è stata sufficiente ad evitare una sanzione più dura alla Lazio e quanto fatto dal pubblico di Busto no? Perché al Verona è stata risparmiata la punizione della gara a porte chiuse dopo gli schifosi cori su Morosini perché “la corretta sanzione sarebbe stata troppo punitiva nei confronti del club considerato lo sparuto numero di protagonisti dell’episodio” e per la Pro Patria nessuna attenuante è stata concessa?

Questa sentenza va cancellata e riscritta usando i parametri validi per gli altri. Il razzismo non si combatte facendo i forti con i deboli e i deboli con i forti, ma cambiando dalla radice la cultura dei nostri stadi e di parte del nostro Paese. Così invece si aggiunge solo ingiustizia allo sconcio. Bisogna ripensarci. Ora più che mai IL RAZZISMO E’ UNA COSA SERIA.

Se vuoi leggere e far girare la lettera aperta a Boateng “Il razzismo è una cosa seria”clicca qui

Per leggere l’articolo sulla multa alla Lazio clicca qui

Se vuoi leggere l’articolo sulla disparità di trattamento mediatico tra Boateng e Ibarbo clicca qui

Annunci

Comments

  1. Io non sono affatto d’accordo… perché l’articolo nel confrontare i casi di Busto e Roma chiede di ridimensionare la sanzione alla Pro-Patria… no!!!! è quella alla Lazio che va adeguata… dessero 100 mila euro di multa alla Lazio e porte chiuse all’olimpico… dopo un paio di volte vedi se lo fanno ancora!!

    • Il discorso è più complesso. Adeguare la sanzione della Lazio è ormai impossibile. Ridimensionare quella della Pro Patria diventa quindi un atto di giustizia ma soprattutto, a mio parere, un passo avanti perché se il modo di affrontare il tema del razzismo negli stadi è essere forte con i deboli e debole con i forti il messaggio che si lancia secondo me è esattamente l’opposto di quello che serve.

  2. Scusa ma continuo a non capire, tu dici “essere forte con i deboli e debole con i forti” e quindi proponi di essere deboli con tutti??? non è questo che risulterebbe ridimensionando la sanzione alla pro-Patria??

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: