DeLa: “Con penalizzazione torneo falsato”. Tnas e big match tutto in una settimana

CavaniSeguimi su Twitter e Facebook

Segnatevi sul calendario la settimana tra il 25 febbraio e l’1 marzo. Circoletto rosso anzi, nero, come si fa con gli ingorghi in autostrada ad agosto o nei lunghi ponti quando si invocano partenze intelligenti. Il calcio italiano vivrà in quei giorni fibrillazioni straordinarie e i verdetti del giorno della Befana che hanno riaperto il campionato rilanciando il Napoli fanno presagire un intrico ad alta tensione di cui si farebbe volentieri a meno. Il rischio concreto, che è quasi certezza, è che in poche ore arriveranno le risposte dal campo sulla lotta scudetto e dalle aule dei tribunali sulla vicenda calcioscommesse.

Un incrocio da brividi ma che difficilmente può essere evitato. Il punto di partenza è la data dello scontro diretto del San Paolo tra Napoli e Juventus: 1 marzo ore 20,45, anticipo del venerdì. Sarà l’8° giornata di ritorno e probabilmente il giorno del giudizio per i partenopei e le loro speranze di scudetto.

A quale distanza arriverà la squadra di Mazzarri a quell’appuntamento? Oggi i punti sono 5, ma potrebbero anche essere 3 e la prospettiva cambierebbe anche nel caso non succedesse nulla di particolare nelle 7 giornate che ci separano dal match del San Paolo.

Il club di De Laurentiis sta lottando per farsi cancellare la penalizzazione di 2 punti inflitta dalla Disciplinare per il caso Gianello. Il presidente lo ha detto chiaramente: “Mi aspetto che la verità trionfi, mi sembra assurdo penalizzare una squadra a campionato in corso. Non sta a me giudicare, rispetto il giudizio che sarà preso, ma credo che sia bene che determinati processi o precedano o seguano un campionato. Altrimenti si rischia di falsare un campionato”.

L’udienza d’appello davanti alla Corte Federale è fissata per il 17 gennaio. Verdetto probabile nel giro di pochi giorni e poi ricorso al Tnas. Tempi? Ipotizzando che i legali richiedano la procedura d’urgenza, che viene concessa quando le sentenze possano influenzare classifiche e regolare svolgimento dei campionati,  si può ipotizzare che il lodo finale venga depositato in 35-40 giorni.

L’esempio è quello di Antonio Conte cui il 29 agosto venne concessa la procedura d’urgenza. Termini ridotti di un terzo per il deposito delle controdeduzioni, udienze davanti agli arbitri e il 5 ottobre la sentenza: 37 giorni. Provando ad applicare la stessa tempistica al Napoli si arriverebbe a giovedì 28 febbraio. Giusto giusto l’antivigilia della gara contro la Juventus.

Tempi che rendono semplice prevedere una settimana di fuoco in cui si parlerà molto della regolarità del campionato e, qualunque sia il verdetto del Tnas, ci saranno scontenti e polemici. Scenario che si ripeterebbe in caso di slittamento del lodo oltre la data del 1 marzo perché legittimamente il Napoli potrebbe lamentare di non aver avuto in mano tutti gli elementi per decidere come affrontare lo scontro con la Juventus.

Servirebbe una soluzione ‘politica’ almeno sulle tempistiche ma le norme non lo consentono. Allora prepariamoci a vivere una settimana ad alta tensione. Segnatela sul calendario e buona fortuna.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: