RETROSCENA – El Shaarawy e la tentazione di una maxi plusvalenza

Z_El_Shaarawy12Seguimi su Twitter e Facebook

Cosa è cambiato tra l’inverno, quando il Milan tratteggiava politica una nuova  fatta di investimenti sui giovani (Stiamo tenendo sotto controllo 100 giovani talenti in tutto il mondo. I nostri osservatori hanno ricevuto la missione di visionare atleti solo dai 18 ai 21 anni” diceva Berlusconi il 3 gennaio) e la scelta della stessa società di ritenere non incedibile un gioiello come El Shaarawy mettendolo di fatto sul mercato? Cambio di linea all’apparenza incomprensibile ma che nasconde una verità assoluta valida non solo per il Milan ma per tutti i club italiani e, nella stragrande maggioranza dei casi, europei.Per fare mercato in ingresso tentando di rinforzare la squadra per migliorare il terzo posto in campionato e gli ottavi di finale di Champions League l’unica strada sarà quella di vendere prima di acquistare. Il Milan non avrà alcun extra budget da Berlusconi e la direttiva rimane la stessa delle ultime stagioni: prima di tutto occhio al bilancio. Galliani ha fatto miracoli, ma per ripetere i numeri del 2012 e allo stesso tempo regalare ad Allegri giocatori funzionali al 4-3-1-2 non potrà contare su un portafogli riempito a fondo perduto.

Ecco perché di fronte alle sirene che suonano per El Shaarawy l’ad rossonero non può professarsi certo di una sua permanenza: “Il prezzo non è ancora stato fatto ma è il milanista che ha più mercato. Non voglio dire che è incedibile perché questa parola nel calcio moderno è difficile da pronunciare”. Più che difficile è impossibile e così la frase di Galliani assomiglia molto a una chiamata ad offrire ai molti che sono interessati al Faraone in Italia e non solo. Ci sono le perplessità legate all’adattamento al nuovo modulo, ma soprattutto ci sono le certezze sul bilancio che chiuderà il prossimo 31 dicembre.

Quello del 2012 è stato un trionfo dopo i rossi del 2010 (-70 milioni) e del 2011 (-67). Passivo di 6,9 milioni interamente causato dal versamento dell’Irap che penalizza le società italiane non esistendo altrove.

Per leggere l’articolo integrale clicca qui

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: