Outlet Italia: in tre anni cessioni per un miliardo di euro

New Paris Saint-Germain Forward Edinson Cavani Attends Press ConferenceSeguimi su Twitter e Facebook

Un miliardo 50 milioni e 714mila euro. Producesse bulloni o auto, la serie A sarebbe un’industria che corre a velocità doppia. Invece si occupa di calcio e la cifra di 1.050 milioni di euro è la somma di tutte le cessioni di giocatori all’estero dall’estate del 2010 a oggi. Una montagna di soldi in cui la parte del leone la fanno i top club che in tre estati si sono progressivamente liberati di tutti i loro campioni.

Il primo è stato Balotelli, ceduto allo sceicco Mansour poche settimane dopo il Triplete. L’ultimo in ordine di tempo è Cavani, volato a Parigi dai nuovi ricchi: in mezzo il meglio della serie A e qualche cessione doppiamente doloroso come quella di Verratti, talento purissimo su cui i nostri club non hanno avuto il coraggio di investire.

COSI’ IL MERCATO ESTERO HA SUPERATO QUELLO ITALIANO – Il sorpasso è avvenuto nell’estate del 2009, con l’Inter che si avviava alla Champions League ma il movimento già in piena crisi. Prima di quel momento i club italiani avevano sempre ricevuto più dal mercato interno che da quello straniero. I numeri del sorpasso: nel 2007-2008 dall’estero erano arrivati 89,9 milioni di euro contro i 185 garantiti da quello interno (fonteTransfermarkt.it). Un anno più tardi la distanza si è ridotta: 120,9 milioni contro 226,6.

Poi il sorpasso e la linea delle cessioni ai top club esteri che ha continuato inesorabilmente a salire: 289 milioni nel 2009-2010 (stagione in cui dall’Italia ne arrivarono solo 220,8), 185,3 milioni del 2010-2011, addirittura 326,3 e 333,4 milioni nelle ultime due annate con un trend che non sta cambiando nemmeno adesso se è vero che al 30 luglio la cifra incassata dall’estero è già di 205,5 milioni di euro contro i 75,4 circolati sul mercato italiano.

La cifra complessiva delle nostre dismissioni fa impressione: 1.050.714.000 euro dall’estate del 2010 a oggi sono piovuti da Spagna, Inghilterra, Germania, Francia, Russia e altri mercati contro i 662.133.000 euro garantiti dagli scambi tra squadre italiane. Nei tre anni precedenti il saldo era di 496,8 milioni (estero) contro 632,5 milioni (dall’Italia). Sorprasso effettuato. Siamo diventati una boutique per ricchi.

TOP PLAYER VIA PER 526 MILIONI DI EURO – Una fetta importante dell’incasso viene dalla cessione dei pezzi pregiati del nostro calcio. L’elenco (lo trovate in seguito) fa impressione così come la cifra complessiva incassata dai nostri club: 526 milioni di euro. Soldi che solo in questa ultima stagione hanno cominciato davvero ad essere reinvestiti portando in Italia star di primo livello comeTevez, Llorente, Higuain e Gomez cui vanno aggiunti Balotelli e Rossi tornati in gennaio. E’ presto per dire che la tendenza si sta invertendo. Anzi, a leggere i numeri questa è un’estate quasi da record: 130 milioni e potrebbe non essere finita qui. Ecco la cronistoria di tre anni di mercato a prezzi (non) di saldo:

Per leggere l’inchiesta integrale clicca qui

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: