Juve: bilancio record, ma lo Stadium non basta?

CALCIO:ECCO LA NUOVA CASA JUVE,UNO STADIO TUTTO IN BIANCONEROIl bilancio con fatturato da record che la Juventus ha presentato è certo una buona notizia per il calcio italiano, ma apre a una domanda: quali margini di crescita ha ancora il club torinese? Quanto potrà avvicinarsi a Real Madrid, Barcellona e le altre? Il progetto dello Juventus Stadium è stato dimensionato correttamente?

Il dubbio viene osservando la curva dei ricavi Juventus nell’ultimo decennio (vedi la grafica pubblicata dalla Gazzetta dello Sport). La Juventus ha fatto il record con i 274,8 milioni di euro di fatturato senza plusvalenze, ma in fondo nell’ultima stagione pre-Calciopoli non era andata poi tanto lontana: 252,7 milioni.

Bilancio Juve serie storica

Più o meno la stessa cifra di oggi ma senza stadio di proprietà, giocando nell’odiato e spesso semi deserto Delle Alpi e con introiti dalla Champions League nemmeno comparabili a quelli dell’ultima stagione. Perché a molti è sfuggito che la cifra scritta sull’assegno che l’Uefa ha recapitato in Corso Galileo Ferraris lo scorso mese di agosto (65,3 milioni di euro) è irripetibile. Merito del cucchiaio di Maicosuel che eliminò l’Udinese dal preliminare regalando a Milan e Juve una spartizione fifty-fifty dei diritti tv Uefa rendendo i bianconeri la società più ricca dell’anno malgrado l’eliminazione ai quarti di finale.

Sarà difficile fare meglio dal punto di vista finanziario. Per assurdo, anche vincendo la coppa la Juventus quest’anno incasserebbe meno di quei 65,3 milioni di euro. Lo stesso vale per i ricavi dai diritti tv interni: fino al 2015 la serie A introita poco meno di un miliardo e la fetta della Juventus resterà quella attuale.

Dunque? La soluzione sono i ricavi da stadio e qui il bilancio fa segnare qualche dato preoccupante se ragionato sulle potenzialità future. Il boom c’è stato con l’apertura dello Juventus Stadium che ha raddoppiato la cifra. E adesso? La campagna abbonamenti 2013-2014 con 28mila tessere staccate ha prodotto un incasso da 20 milioni di euro, poco superiore ai 19,8 di un anno fa (27.400 tessere) quando, però, il salto rispetto alla prima stagione era stato notevole grazie all’aumento forte dei prezzi (+30% ricavi con un +11% nel numero degli abbonamenti venduti).

C’è spazio per un ulteriore stangata per le tasche dei tifosi juventini? Se sì prepariamoci a una manovra ‘lacrime e sangue’ perché il modello è quello dell’Emirates dell’Arsenal, inaugurato nel 2006 con prezzi popolari da 50 euro a partita per i settori popolari, abbonamenti costosissimi e lista d’attesa lunga un chilometro. Risultato? Spesa media annuale per tifoso salita da 400 a 2.387 sterline, 9mila posti Premium che da soli garantiscono un terzo dei ricavi da stadio e fatturato che nei primi tre anni con l’Emirates è più che raddoppiato.

La strada è quella perché l’altra, praticata ad esempio dal Bayern Monaco che ha iniziato a occupare l’Allianz Arena nel 2005, non è percorribile dalla Juventus che ha a disposizione 41mila posti e non i quasi 70mila di Monaco, tutti venduti tra abbonamenti e biglietti singoli prima ancora che inizi la stagione con prezzi più popolari rispetto a quelli di Londra anche se le sfide al top costano da 60 euro in su. La Juventus ha uno stadio piccolo per la dimensione che si vuol dare il club.

Per intenderci i suoi 41mila posti non sono sufficienti per una candidatura all’Europeo del 2020 (e infatti la Figc ha indicato Milano e Roma) e non consentono una politica di espansione dei ricavi adeguata. Restano le altre attività legate all’impianto. La Juve ci sta provando, ma la differenza rimane al momento abissale. Quanto? Nel 2011-2012 Agnelli aveva contabilizzato 36 milioni alla voce stadio, l’Arsenal abbondantemente oltre i 100 e il Bayern Monaco addirittura 129. Senza scomodare i ‘mostri’ Barcellona e Real Madrid, il confronto con due esperienze simili non può non fare riflettere.

Annunci

Comments

  1. pd valdengo says:

    Reblogged this on .

    • Il suo articolo è sostanzialmente corretto ma non tiene conto di alcuni fattori. In primis l’Arsenal per costruire il suo stadio ha praticamente smesso di vincere e solo una serie di campagne acquisti azzeccate e sbagliate da altri (liverpool su tutti) ha continuato a partecipare alla champions league. Io penso che l’idea della juve sia proprio quella uno stadio da 41000 posti sempre pieno con prezzi altissimi, d’altronde il prezzo lo fà il mercato e se fai il tutto esaurito contro il Verona con le curve a 20 euro allora l’anno prossimo metterai le curve a 30 euro sperando dinuovo nel tutto esaurito. Uno stadio da 41000 sempre pieno è meglio di San Siro semideserto. (@mazararava twitter)

      • Il problema secondo me e’ che i limiti di sviluppo dei ricavi potrebbero non essere adeguati a un progetto da top club europeo. No penso che la Juventus possa nell’arco di 5-6 stagioni moltiplicare per otto la spesa per persona nel giorno dell’evebto sportivo e i numeri dello JS non consentono di fare incassi adeguati. Oggi una partita di Champions League all’Emirates vale 3-4 milioni di euro. A Torino siamo intorno a 2. Qualche domanda in proiezione e’ legittima.

      • a Torino una partita di CL vale 2,5 (bayern e Chelsea l’anno scorso) e credo che con il Real quest’anno si arrivi a 3. Non credo che in Italia si possa arrivare mai alle cifre dell’Inghilterra o dei colossi spagnoli. Al momento io noto solo come lo stadium sia sempre pieno e come la percentuale di riempimento degli altri stadi non superi il 50% in molti casi. I dubbi espressi dal suo articolo sono più che legittimi ma credo che al massimo si poteva arrivare a 50000 posti. Ogni mercato fà storia a sè, i paragoni non valgono vedi magliette

  2. Alessandro says:

    Siamo in un vero e proprio regime, se la verità sullo Juventus stadium fatica ad affuiorare è perchè la proprietà controlla ormai tutti i media vicini geograficamente e non solo al club, controlla perfino i siti itnernet, gli admin dei principali forum della Juventus hanno avuto “certesie” dirette dalla società, c’è un signore calvo che si professa “capo delle relazionie sterne di un famoso sito sulla Juventus ed analista finanziario, uno che che epr dire raccoglie le deleghe su itnernet per le assemblee degli azuionisti Juventus che è stato ospite allo Juventus stadium. C sono certi personaggi che fanno trasmisisoni a Torino sulla Juventus che si definiscono indipendenti e poli li vedi accanto al presidente della Juventus che cercano anche loro si succhiare la mammella. Torino ormai è diventata una città omertosa in tutto ew per tutto ma fossero solo loro…

  3. Alessandro says:

    quello di capuano è la prima analisi veritiera e lucida sull’opera juventus stadium che è stata riprotata in Italia dal 2011, merita solo i comlimenti perchè fino a doggi c’è stata solo disinformazione e propaganda, lo Juventus stadium è stata la pietra tombale sul futuro della Juventus

    • Grazie per i complimenti. Io non ho scritto che lo Juventus Stadium è una pietra tombale sul futuro della Juventus, però. Solo che quei numeri hanno un’altra chiave di lettura su cui sarebbe utile riflettere anche perché lo JS è un progetto-laboratorio per il calcio italiano in generale. A me qualche dubbio è venuto.

  4. Il commento del signor Alessandro mi sembra il parere del solto Granata anijuventino. Lo stadio poteva essere più grande? SI detto questo mi pare che al momento sia l’unico in Italia e che da altre parti non ci siano neanche progetti aperti. Lo stadio ha riqualificato completamente un quartiere degradato e secondo dati del comune di Torino è l’attrazione turistica più visitata. In Italia uno stadio da 60000 posti si riempie al massimo 2 volte all’anno.

  5. Alessandro says:

    Che lo Juventus stadium sia stata la rovina della Juventus lo certificano i numeri dell’ultimo esercizio confrotnati a quelli dei to club europei. Mazarava tu sei il classico juventino medio che non sa nulla di nulla che si disinteressa dell’argomento che ivnece è centrale epr la vita del club, continua ad abbeverarti della propaganda e dalla disinformazione di tuttosport e gazzette varie e di tutti quei giornalisti opresuntit ali a libro paga della exor o checomunque indirettamente sono legati tramite il loro editore.
    Qual è il futuro di una società che sostiene a parole (come d’altronde imporrebbe il blasone e il proprio bacino di appassionati ) nel voler ambire ogni anno per la vittoria della champions e che nel 2006 ,non 20 anni fa ,incassava annualmente (250mln) quanto il Manchester United che ha appena annunciato di aver ricavato nell’ultimo esercizio oltre 420 milioni di euro (con prospettive di raggiungere presto real e barcellona in vetta) e che si ritrova OGGI con uno stadio nuovo a incassare poco più di quanto erano i ricavi nel 2005-2006 quando si giocava in uno stadio vecchio , non per il calcio come il delle alpi? I margini di aumento dei ricavi della Juventus sul fronte stadio sono risicatissimi (e meno che non raddoppi il costo degli abbonamenti e degi biglietti), i ricavi commerciali non sono migliorati sensibilmente nemmeno dopo un campionato vinto e la struttura organizzativae all’interno del club non sembra sia pronta a far fronte alle esigenze che richiede la diffusione di un marchio cosi importante.I dirittit v hanno raggiunto la loro esplosione col market pool dell’ultimo anno, caso che sarà quasi irripetibile visto che nei prossimi anni sembra che li broadcaster che operano in Italia ricontratteranno al ribasso (se non al rialzo) sia i diritti della champions che del campionato italiano . La situazione è a dir poco tragica per il futuro del club facendo
    un paragone con chi fino a pochi anni fa era sullo stesso livello di fatturato
    o addirittura inferiore come Bayern Munchen, Arsenal, Chelsea, Liverpool,
    Manchester City. Il messaggio centrale e predominante dovrebbe essere questo
    di ogni analisi sulla gestione che è totalmente fallientare sotto ogni punto
    di vista con la questione stadio al centro di tutto..E invece….

    • Alle tue considerazioni Alessandro aggiungerei che il raddoppio degli abbonamenti e dei biglietti lo vedo difficile vista la crisi economica che c’è in Italia e che il merchandising della Juve al momento fa schifo ed è nettamente dietro non solo al Milan ma anche all’Inter,che però messi insieme fan poco più dei tifosi complessivi della Juve.
      C’è da dire poi che la Juve è indubbiamente penalizzata giocando in un campionato che ormai è di serie B.

  6. Il merchandising in Italia non decollerà mai.Controllate nelle scuole quanti ragazzi indossano una maglietta o portano lo zaino di una squadra di calcio,NESSUNO,per una semplice ragione,non vogliono essere picchiati!

Trackbacks

  1. […] caro Agnelli, il sospetto che abbiamo avuto leggendo l’ultimo bilancio della Sua società (CLICCA QUI) è che i margini di crescita della Juventus non siano illimitati. Lei ha chiuso l’ultimo […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: