Il fuoco dell’Etna (VIDEO)

Cori ultras LivornoLivorno, 15 settembre scorso. Partita col Catania (vinta 2-0) in corso e dalla curva degli ultras amaranto il coro che, a stretti termini di regolamento, configura violazione delle norme contro la discriminazione territoriale. Ripetuto una, due volte.‘Bruci la città e tutti quel vulcano, di tutte quelle merde, non ne rimanga una…’ Odioso come il ‘Vesuvio lavali col fuoco’ costato l’anno scorso centinaia di migliaia di euro di multe ai club del Nord Italia. Per paradosso c’è di mezzo un altro vulcano e la sua missione di morte. Nessuna sanzione per il Livorno perché questo coro non è finito in nessun referto. Gli ispettori staranno più attenti la prossima volta (si spera), ma il problema dell’uniformità di giudizio è uno dei punti deboli di questo caos in cui si è infilato per colpa sua il calcio italiano. Tosel, dopo aver tollerato i sordi di Reggio Emilia e in attesa di sapere se il coretto ‘Quel settore lì sembra Napoli, che schifo’ è lecito o no, cosa facciamo?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: