Una stangata e mille dubbi…

Soccer: Serie A; Roma-VeronaLa domenica della vergogna e della ribellione delle curve negli stadi italiani ha partorito un verdetto atteso perché essendo il primo dopo il varo delle nuove norme farà giurisprudenza e segnerà il confine posto dal calcio agli ultras. Di qui i comportamenti leciti, accettati o tollerati, di lì il cancro che si vuole estirpare. 

Proprio per questo la lettura del dispositivo con cui il giudice Tosel ha chiuso (con la condizionale) le curve di Milan, Inter, Roma e Torino comminando multe per la cifra record di 300.000 euro risponde ad alcune delle domande inevase dal giorno della scelta della Figc di fare un mezzo passo indietro e, allo stesso tempo, solleva dubbi che sarebbe bene venissero chiariti in fretta.

Tosel ha, infatti, concesso la condizionale sospensiva della squalifica agli ultras di Inter, Milan e Roma seppure recidivi richiamandosi alla “concreta e continua collaborazione” delle società che pure non è stata riammessa nel Codice nemmeno dall’intervento della Figc. Sono le famose esimenti che la Lega Calcio ha chiesto inutilmente di ripristinare e che Abete aveva negato con forza: “Non c’è stato nessun abbassamento della guardia. Se lo avessimo fatto avremmo ripristinato le ammende, previsto attenuanti ed esimenti”. Era il 16 ottobre. Tosel ha rimesso le esimenti, seppure limitate alla concessione della condizionale, facendo riferimento a un passo dell’articolo 16 in cui non sono nemmeno citate.

Quale è la posizione della Figc sul tema? Saranno applicate anche in futuro per congelare le squalifiche che si annunciano in serie, considerata la guerra dichiarata dalle curve al calcio italiano? Questo dispositivo diventerà un precedente cui appellarsi per i vari avvocati di turno? La Figc ha intenzione di impugnarlo per cancellare questa parte ripristinando lo spirito delle nuove norme? Sarebbe utile che Abete rispondesse in fretta a queste domande.

C’è poi anche l’acrobazia di Tosel nello squalificare la curva in trasferta giustificandosi col fatto che, in assenza di una norma scritta, pare equo riferirsi al settore precedentemente sanzionato. Il che significa che in caso di prima sanzione il Giudice sportivo se la prenderà lo stesso con gli ultras e che un coro discriminatorio fuori casa chiuderà mezzo stadio a Roma (Curva Sud e Curva Nord), una sola curva a San Siro e addirittura non la curva degli ultras per il Torino. Un bel caos, non c’è che dire. E siamo lontani anni luce dall’affermazione che la responsabilità è individuale. Viene da chiedersi cosa serva la tessera del tifoso obbligatoria per le trasferte se poi si va un tanto al chilo. Davvero è impossibile risalire alla provenienza (almeno statisticamente maggioritaria) dei razzisti da trasferta?

Detto questo, però, la sentenza non è una carezza e chiarisce alcuni dubbi. La prima risposta che arriva al mondo degli ultras è che il concetto di “dimensione e percezione reale del fenomeno” è stato interpretato senza fare sconti…

Per leggere l’articolo integrale CLICCA QUI

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: